Pagina:Battisti - Il Trentino, cenni geografici, storici, economici, 1915.djvu/32

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


COOPERAZIONE. Sviluppatissimo è nel Trentino lo spirito cooperativista.

Esistono (statistica del 1912):

250 consorzi di consumo, confederati, con 32 347 soci;

403 latterie sociali con 10 000 soci per la lavorazione del latte, molte società per l’allevamento bovini, parecchie cantine sociali.

CENTRALI ELETTRICHE E FORZE IDRAULICHE NEL TRENTINO E NELL’ALTO ADIGE1. Il Trentino - e con esso la retrostante regione dell’Alto Adige che insieme con esso costituisce una sola unità idrografica - è ricchissimo di forze idrauliche, in gran parte non ancora sfruttate. Dispone complessivamente di 43,5 cavalli idraulici per km², superando il quantitativo della Svìzzera (36 cavalli per km²), dell’Itàlia (17,5 cavalli per km²), secondo il Nitti, e dei più importanti bacini idrografici dell’Austria. I cavalli di forza motrice ricavati e ricavabili con impianti idro-elettrici nei diversi bacini sono dati dalla seguente tabella:



Cavalli di forza motrice già ricavati2 Cavalli di forza motrice ricavabili3 Cavalli di forza motrice complessivamente esistenti Superficie d’ogni singolo bacino in km2 Cavalli complessivi per km2
Bacino dell’Adige fino a Bolzano. 29 474 90 200 119 674 2 639 45,3
» dell’Isarco e Rienza. 6 956 184 000 190 956 4 190 45,5
» dell’Adige sotto Bolzano con gli affluenti minori. 1 040 7 000 8 040 1 359 6,
» del Noce 2 550 73 000 75 550 1 369 55,
» dell’Avìsio 590 58 000 58 590 940 62,
» della Fèrsina 1 360 1 000 2 360 183 12,8
» del Sarca 11 645 36 000 47 645 1 070 44,5
» del Ponale e Varone. 10 600 5 000 15 600 220 70,
» del Chiese 365 25 000 25 365 413 61,
» della Brenta 1 665 15 000 16 665 709 23
Trentino e Alto Adige4 66 245 404 200 560 445 13 092 42,
  1. Cnfr.: Tav. XV - Forze idrauliche e Centrali elettriche.
  2. Calcolati allo turbine.
  3. Si è tenuto conto della forza ricavabile da impianti idroelettrici attuabili, superiori agli 800 cavalli e del costo d’impianto per ogni cavallo dato al quadro non superiore alle lire 1000 pei salti maggiori e lire 1500 pei salti minori.
  4. Devo questi dati alla cortesia dell’onor. ing. Gino Sartori di Brescia, che li desunse da statistiche ufficiali austriache e dallo studio di W. Conrad: Le forze d’acqua alpine, Vienna 1911, e da altre fonti.