Pagina:Bellamy - L'avvenire, 1891.djvu/38

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
36

la questione operaia. Con l’accettazione della responsabilità per il Capitale, la nazione ha assunto la carica difficile d’un capitalista?»

«Nell’istante in cui la nazione assunse la responsabilità per il Capitale, sparirono tutte le difficoltà» rispose il dottor Leete.

«L’organizzazione nazionale del lavoro sotto una direzione unica comprendeva lo scioglimento completo di ciò che ai vostri tempi, col vostro sistema, era giustamente considerato come il problema sociale non ancora risoluto ed insolvibile. Dal momento che la Nazione era diventata l’unico imprenditore, i cittadini a loro volta diventarono operai e furono impiegati a seconda dei bisogni dell’industria».

«Così» aggiunsi io «la Nazione applicava esclusivamente alla questione operaia il principio dell’obbligo generale della milizia?»

«Sì» disse il dottor Leete, «e ciò era la naturale conseguenza dell’essere la Nazione il solo capitalista. Il popolo era già abituato e sapeva che ogni cittadino sano aveva il dovere di prestare i suoi servigi alla difesa della Nazione. Così pure ogni cittadino doveva partecipare al mantenimento della Nazione mediante servigi industriali o morali.

Fintanto che, chi distribuiva il lavoro erano cento o mille individui e corporazioni, fra cui non era desiderato nè possibile raccordo, non si poteva parlare di una buona organizzazione del lavoro. Allora si constatava, che gran numero di operai, i quali volevano lavorare, non trovavano lavoro, e d’altra parte potevano, quelli che lo volevano, scansare in parte o tutti gli obblighi del lavoro stesso».

«Il lavoro,» domandai, «è però obbligatorio?»

«Dica piuttosto, il lavoro s’intende da sè,» rispose il dottor Leete. «Esso è considerato come cosa tanto naturale, che non pensiamo nemmeno più di chiamarlo obbligatorio. Chi per lavorare, dovesse esservi costretto, sarebbe tenuto per spregevole. Però l’assoluta inevitabilità sarebbe insufficientemente espressa, se la si volesse chiamare obbligatoria. Il nostro ordinamento sociale si basa completamente su di essa e se vi fosse qualche per-