Pagina:Bellamy - L'avvenire, 1891.djvu/60

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
58

suo posto. Nello stesso modo si eseguiscono commissioni d’altri generi. Gl’involti vengono messi in grossi tubi e così mandati nei vari circondari ove si pensa alla distribuzione. Vi farete un’idea della rapidità di questa esecuzione quando vi dirò che la merce da me ordinata sarà a casa prima di noi».

«Come si procede nei circondari di campagna poco popolati?» chiesi.

«Il sistema è lo stesso», spiegò Editta, «il deposito dei campioni di un villaggio comunica per mezzo di un condotto colla casa centrale, anche a venti miglia di distanza. Ma la commissione è fatta tanto presto che non si fa caso del tempo perduto per via. Però, per evitare le spese, una rete di tubi unisce, in molti circondari, i villaggi con la casa centrale e allora si perde un po’ di tempo, aspettando. Talvolta occorrono 2 a 3 ore prima di ricevere la merce ordinata. Succedeva così nel posto ove soggiornai l’estate scorsa ed era molto incomodo».

«I negozi di campagna devono anche essere di molto inferiori a quelli della città», dissi.

«No», rispose Editta, «sono precisamente gli stessi. Il deposito dei campioni, in un villaggio, vi offre come questo l’assortimento di tutte le merci possedute dalla nazione, poichè esso ha la stessa origine dei depositi della città». Mentre camminavamo, accennai alla differenza di grandezza delle case e quindi alla loro differenza di prezzo, «Come si comporta questa differenza col fatto che tutti i cittadini hanno le stesse entrate?».

«Ciò dipende», spiegò Editta, «dal fatto che, anche con un’entrata eguale, ognuno fa a seconda del proprio gusto. Taluni amano i bei cavalli, altri, come me, i bei vestiti; altri finalmente i piaceri della tavola. Gli affitti di queste case variano a seconda della loro grandezza, della loro eleganza e della loro situazione, sicchè ognuno può seguire il proprio gusto. Le case più grandi sono abitate da famiglie più numerose, ogni membro delle quali concorre a pagar l’affitto. Le piccole famiglie, come la nostra, trovano invece che le case piccole sono più comode e più economiche. Ho letto, che, ai vostri tempi, v’eran certuni che vivevano alla grande per esser creduti più ricchi che realmente non fossero. Era proprio così, signor West?»