Pagina:Beltrami - Bramante poeta.djvu/48

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



     Ogni cosa a suo tempo ben s'adopra
Ognuno a un modo il ciel non avvalora
14Quel è migliore che so laudarsi all'opra.


Sonetto del suddetto (Bramante) composto da poi cena a tavola a Paulo da Taegio, qual gli lo rechiese per metterlo in fine d'una certa sua opera intitolata Apolonio de Tyro, dedicato alla Ma Madona S. Ferrarese.



FINE.