Pagina:Berchet, Giovanni – Scritti critici e letterari, 1912 – BEIC 1754878.djvu/126

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

xii. articolo sopra un articolo 125


Ma la vera idea del suo poema Dante non la derivò da altro che dal suo animo nobile e caldo di generosa onestá. «Egli da sé solo concepí e mandò ad effetto il disegno di creare la lingua e la poesia d’una nazione, di rivelare le piaghe politiche della sua patria, di mostrare alla Chiesa ed agli Stati d’Italia come l’imprudenza de’ papi e le guerre intestine delle cittá e la conseguente introduzione di eserciti stranieri trarrebbero seco di necessitá la devastazione e la rovina dell’Italia. Egli pensò nientemeno che a farsi riformatore della morale, vendicatore dei delitti e mantenitore della ortodossia nella religione». Questa è ben altra originalitá di concetto che quella delle visioni de’ frati, prese tutte in un fascio.

La Rivista fa poco conto del libro del signor Cancellieri, perché davvero è d’indole tale da non se ne poter far gran conto. Il signor Cancellieri è uomo erudito assai; aveva bisogno di sfogar la sua erudizione: però ha fatto che il libro servisse ad essa, e non essa al libro. E la veritá è che egli lo termina senza terminar la quistione pigliata a trattare.

Bisogna dire che il prurito di far pompa d’erudizioni, quantunque non cadano a proposito, salti addosso talvolta con irresistibile ostinazione anche alla gente di giudizio; da che pare che anch’essa la Rivista d’Edimburgo in questo articolo medesimo se ne lasci vincere un pochetto. Ma le semplici erudizioni giá si sa che non costano molto; e gli uomini sono facili a scialacquare le sostanze acquistate senza sudori.

Ben piú lodevole parmi la maniera con cui la Rivista ci dá un quadro rapidissimo della condizione d’Italia da’ tempi di Gregorio settimo fino a quelli di Dante, onde convincerci sempre piú dell’alto intendimento che resse i lavori del poeta. Troveranno i curiosi in quel quadro alcune idee, se non nuove, almeno nuovamente e fortemente sentite, sulle opinioni religiose d’allora, sul carattere di Gregorio, sulla politica di lui, sulla origine e su’ primordi della libertá delle cittá d’Italia; libertá alla quale, in certo qual modo, contribuí l’ambizione stessa di quel pontefice.

Considerando attentamente la natura dei tempi di Dante, sbalza agli occhi chiarissima l’intima relazione che esisteva tra