Pagina:Berchet, Giovanni – Scritti critici e letterari, 1912 – BEIC 1754878.djvu/33

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ii. lettera semiseria di grisostomo 29

differenza dei secoli renderebbe differenti le cose che que’ poeti imprenderebbono ora a trattare. E la differenza delle cose indurrebbe di necessitá differenza nella mescolanza delle forme e nell’accoppiamento delle immagini. E Omero, Pindaro, Sofocle sarebbero poeti «romantici», volere o non volere. Ma l’arte loro sarebbe tuttavia quella stessa de’ classici antichi. Che importa a me se il Cellini oggi mi cesella un vezzo per madama d’Étampes e domani un calice pel santo padre? Egli è pur sempre Benvenuto, l’orefice fiorentino. Ma questo Proteo irrequieto come l’amore, quest’arte della poesia, questa perpetua inventrice del bello, chi l’insegna? Le Poetiche forse? Sono forse le Poetiche che hanno sviluppate le menti a que’ tre miracoli della Grecia? sono forse le Poetiche che dissero come tener la penna in mano a Dante, all’Ariosto, a Shakespeare? Al diavolo queste corbellerie! Mostratemi una Poetica anteriore alla esistenza di un poeta. Mostratemi un vero poeta educato e formato dalle Poetiche. Dov’è, dov’è? Io vi mostrerò de’ poeti che colle opere loro hanno prestata materia di che rimpinzare di regoluzze un libruzzo a trenta maestruzzi. Io vi mostrerò trentamila pedanti, e tutti figli delle Poetiche, e tutti misuratori di sillabe, e tutti sputasentenze, e tutti teste di legno. Al diavolo colle Poetiche! Perché non t’incarni un’altra volta, o bella anima di Omar, tanto appena che ti basti tempo per discendere in Italia a metter fuoco a tutte le Poetiche, da quella di Aristotile fino a quella del Menzini? —

E qui Sua Reverenza mandò un lungo sospiro di desiderio. Poi tosto ammutí, guardò in alto per un poco, e si fece tutto rosso in viso, vergognando, cred’io, d’avere unito il nome d’Aristotile a quello di un guastamestiere. Poi, ripreso fiato, stese la mano all’ospite e col sorriso della cortesia lo pregò perché proseguisse il panegirico che tanto gli andava a sangue. Terminato il dire, l’ospite pigliò licenza. Il povero curato lo accompagnò fino all’uscio; e lasciata scappare una lagrima, gli strinse la mano e gli disse: — Domando mille scuse; ho gridato fuori d’ogni creanza: ma sappia Vossignoria ch’io non l’aveva con lei. A lei io ho data la mia stima. Capperi! Vossignoria ha detto pel