Pagina:Bertini - Le dimore estive dell'appennino toscano, Niccolai, Firenze, 1896.djvu/165

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Vallombrosa 956 m.

A levante di Firenze s’inalza un gruppo maestoso, composto da monti di linea e profilo quasi pianeggiante che staccandosi dall’Appennmo alla Consuma, piegano a sud-est e chiudono l’amenissima valle del Casentino. Codesto gruppo è quello dei monti di Pratomagno in una insenatura del quale nereggia la verde-cupa foresta di Vallombrosa. In una bella prateria, sempre verde, sorge quello che fu grandioso convento dei Monaci Vallombrosani, che anticamente chiamavasi Acquabella, fondato nel 1060, e dove oggi ha sede il Regio Istituto Forestale.

Non è impiccolire i pregi grandissimi di Vallombrosa, ricca di magnifiche foreste di abeti, di faggi, e di praterie, il notare che deve anche parte della sua celebrità alla splendida comparazione dalle naturali amenità del luogo inspirata a Milton nel suo Paradiso