Pagina:Betti Brioschi - Gli Elementi d'Euclide, 1868.djvu/12

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
VIII PREFAZIONE.

zioni nettamente determinate e l’abitudine del rigore nel raziocinio.

Fra le molte edizioni italiane degli Elementi di Euclide, abbiamo prescelta per la nostra pubblicazione quella del Viviani, non senza però introdurvi alcune modificazioni di forma e di sostanza, prendendo anche a guida le migliori edizioni straniere (specialmente quella del Simson). Vi aggiungeremo un’appendice sulle misure delle figure rettilinee, della circonferenza, del cerchio, dei poliedri e dei corpi rotondi, ed alcune proposizioni di cui la soluzione o la dimostrazione sarà lasciata come utile esercizio agli allievi. Profondamente convinti che soltanto dalle eminenti qualità di precisione e di chiarezza che distinguono la Geometria Euclidiana, si ponno sperare per lo sviluppo intellettuale dei nostri giovani quei risultati, in vista dei quali presso tutte le nazioni civili l’insegnamento della geometria tiene posto tanto importante nella educazione della gioventù, ci siamo accinti a questa pubblicazione, col fermo intendimento di migliorarla via via che nuove edizioni straniere, e l’esperienza che s’andrà facendo nelle nostre scuole, ne additino la convenienza. Noi abbiamo fiducia che i professori dei Licei vorranno aiutarci in quest’opera, ed accetteremo con grato animo le loro osservazioni ed i loro suggerimenti.

2 novembre 1867.

E. Betti.

F. Brioschi.