Pagina:Bettinelli - Opere edite e inedite, Tomo 11, 1800.djvu/226

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
222 Orazione

me più numerosa, ed illustre, e sia ricca insieme de’ convitati più eletti, benché a caso lontani di tempo, e di luogo. A ciò fare i giovani s’accompagnin co’ vecchi, e vendano almen di passaggio gli assenti a visitare la patria, come è certo, aver fatto non una volta i prelati, e circa il quarantesimo di quel secolo molti di loro.

Cinque pertanto dottissimi porporati, il Morone1 fatto già modenese, come v’è noto, il Bertano, il Badia col Cortese, e col Sadoleto da minori prelati seguiti, il Fiordibello, il Manzuolo, il Sigonio, ed il giovane Sadoleto entrino primi, e ne’ seggi si pongan d’onore accolti alle soglie dal Grilenzone in sua casa, a cui vien compagno d’uffìzi ospitali l’amico carissimo, e principal Castelvetro. Succedono loro due possenti del pari, che nobilissimi cavalieri il conte Guido, ed il conte Alessandro Rangone, mecenati ad un tempo, e coltivator delle lettere, e de’ letterati. Ma sin d’ allor forse


do-


  1. Nato a Milano.