Pagina:Bettinelli - Opere edite e inedite, Tomo 4, 1799.djvu/158

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
154 Climi.


Cavalieri, anzi Tartaglia, Cardano ed altri un secolo prima potessero ammaestrarle.

Nella stessa metafisica il trattato del Bem di Pallavicino udj porre tra i migliori dall?

abate Conti ottimo giudice, e non prevenuto. Ma noi parliamo 3’ un generale, e dominante lume, che va oggi spargendosi nell* Italia dcpo aver gittati alcuni raggi incerti, e passeggeri qua e là. Chi sa per altro che agl’ italiani non manchi il talento di ragionare, e di filosofare tanto profondamente, quanto l’inglese? Potranno deciderlo inoltri nipoti dopo cinquanta e più anni, quando avran lette dell’opere filosofiche in tanto numero, e di tanto peso, quanto è richiesto a legittimo paragone. Sarà però sempre vero, che quei furono i nostri maestri, e che il saggio dell’ intendimento umano, lo spirito delle leggi, e tali altri hanno fatti egreg; dij scepoli anche tra noi senza oltraggiare le verità più importanti.

Dalle cose dette sin qua, sembra poter almen dubitarsi, che come varj sono i talenti delle nazioni, così il talento delle arti sia proprio de’greci, e degl’italiani a quel grado,