Pagina:Bettinelli - Opere edite e inedite, Tomo 4, 1799.djvu/178

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
174 Grecia.

6ora. Ivi i.corpi meglio formati, e il_ vestire più comodo alla libera lor formazione si trovano, come pure quell’ accortezza d’ingegno, quantunque ad altri usi rivolta (tolto quello delle arti, e dell5onor patrio) si trova ne’ greci moderni ( 1 ).

Ma la bellezza più propria, e più invidiabile di quel clima felice, di quell’ indole e libertà, ed emulazione, e studj, e gened arti, ed imprese campeggia, e comprovasi mas- u — ( 1 ) I viaggiatori anch’ oggi trovano in.

quelle isole scene, e prospettive incantatrici, lij| quali natura offrivale ai poeti antichi, che le dipinsero. Ogni lido, e collina offrono oggetti pittorici, avanzi di tempietti, di sepol- ’ cri, di portici, d’ottimo gusto, e de’ marmi di Paro si famosi; le statue ne furon tolte. Ma i vini eletti, gli agrumi, i boschetti di lauro, di melo granato vi sono ancora come pure i bei corpi e volti e fisonomie nelle donne vestite a fogge libere", evoluttuose, che parte coprono, e parte lascian vedere Je forme e le proporzioni elegantissime, che secondano a maraviglia i moti i passi e i balli, dei quali godono ancora, e gli hanno del gusto" antico accompagnati dagli an-.

xichi stromenti ci suono, e con altri usi antichi, come quel delle ancelle co’lor canestri pieni de’gomitoli di seta, ec.