Pagina:Bettinelli - Opere edite e inedite, Tomo 4, 1799.djvu/206

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
202 Governi.


animo di ricercare, come, e perchè non tro.

visi rassomigliante 1’ italiano, e il romano, benché nello stesso clima, e tanto più a noi vicino per la lingua, l’origine, ed i costami, le leggi, ed il suolo. Al che risponderò qualche cosa, secondo che la materia il consente, e l’occasione. I romani per sette secoli furon tutti nell’armi occupati, e nel-^ ie conquiste, accrescendo sempre lor forze col lor dominio, e sempre facendo un sol corpo, ed ingrandendolo sempre per ingranar dirlo ognor più, sicché il militare entusiasmo, ed i gei) guerrieri non lasciarono luogo ad altri pensieri per sì lungo tempo. Somigliamo in parte ai romani per essere stati anche noi al colmo de’lle arti, e delle lettere, appunto corri’ essi, quando finirono tra noi le guerre civili; li somigliamo, per aver presi com’ essi di Grecia le arti; ma noi l’esereitammo noi stessi, mentre i romani le lasciarono esercitare dai forestieri, le mi.

rarono come serve del loro lusso, degnandosi sol di gustarle, e di pagarle. Essi non mai deposer 1’ armi, anzi giunsero al sommo della potenza, della navigazione, del comraer-