Pagina:Bettinelli - Opere edite e inedite, Tomo 4, 1799.djvu/233

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Abusi. 229


rffell*arti sovranamente fondate, e un poca irregolarmente da Sofocle e Pindaro, da Ennio e Plauto, da Dante e Ariosto, da Cornelio, da Milton si giunse alla perfezione sotto il governo d’Euripide e d’Anacreonte, di Virgilio e di Terenzio, di Petrarca e del Tasso, di Racine e di Pope.

Nè piccolo abuso dell’entusiasmo è quello di farne un’arte, e un mestiere, copiandoi da molti, imitandolo, e in ogni cosa introducendolo. Per cagione di Montesquieu, nuovo genio di questo secolo, tutti han voluto esser gen;,- e scriver col suo bell’entusiasmo in ogni sistema,- e in ogni scienza.

La filosofia, l’educazione, il commercio, l’agricoltura, la popolazione, l’inocnlazion del vajuolo si son trattate or colla lira, or col pennello. Un dizionario di gran volumi ed autori è tutto entusiasmo dagli uni agli altri trasfuso, e derivato persino alle manifatture, e usaro dall’artigiano. Passò in un giornal letterario, e finalmente in una gazzetta pur letteraria. Così tutti vogliono, tra certe nazioni massimamente, esser quello , che gli altri sono, e diventasi Omero, e Pia-