Pagina:Bettinelli - Opere edite e inedite, Tomo 4, 1799.djvu/244

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
240 Rissultati.

iiii, o perniciosi, or trascegiiendone il buor ro, se è ver che niun libro sia tutto cattivo, or facendone una conserva, un tesoro, ?in deposito permanente ? Accademia unica Ja direi.

Cosi facendosi per ventura, ( e non ¡struggendosi per questa strada medesima ogni studio, siccome ad alcun può sembrare ) ver.

rebbe a formarsi una-galleria, per esempio, di poeti, e d’oratori contrassegnati, e distinti secondo t propri caratteri, e facolta M Una serie di quadri, p di ritratti ne ¡nostrerebbe qua 1’ eleganza e là le immagini; Io sfarzoso e l’ardito per una parte, il car stigato e corretto per l’altra; ove il patetico e il grave, ove il nobile ed il veemente.

Quando ci rapirebbe il sublime, quando il sodo e succoso ci appagherebbe. Infin por-.

rebbesi a un canto il bello spirito, che se-l duce, il cuor tenero, che appassiona, la vivida fantasia, che incende, l’ingegno acuto e ragionatore a fronte del genio elevato e dominatore, sinché si finisse il quadro d’un Isocrate sobrio, conciso, armonico, ed elegante, rapitor delle orecchie; o quel d’un De.