Pagina:Bettinelli - Opere edite e inedite, Tomo 4, 1799.djvu/308

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
304 Note.

terra coll’indole lor generosa, ritenuti essendo nell’ umile studio incessante di una lingua pura, di uno srii aureo, di parole di■!

crusca, giacché lo stesso ossequio ai nostri i maestri di lingua si volse. Ma questo eccesso nocque al pensare, e all’inventare; e si giudicarono buoni gli autori per sola grammatica, 0 piuttosto per cronologia, come sij fa del merito delle persone tra noi, che dall’l albero antico di lor famiglia misurasi, e con titoli, o feudi distinguesi, non co’ pregi de» la probità, della fede, de’ servigi al pubbli-, co, e della virtù. Noi siamo forse rispetto a Dante e Pctnrca, ed ai primi esemplari al miglior punto di vista, Ornai si pub dire, che se gustiamo i lor pregi j sappiamo perchè, né siamo idolatri, quando alziamo un altare a un autore, siccome non siamo, fanatici atterrando gli alzati ridicolosamente ai Cnittoni, a? Jacoponi, ai Butshielli ec. 1 NOTA XIV. Quest’espressione è stata tacciata di superbia, onde panni dover propor mia ragione. Sempre infatti mi parve strana una difièrenza tra gl’ italiani, e gli stranieri venuti a cultura di studi. Danti, Boccaccio, Pe-