Pagina:Bettinelli - Opere edite e inedite, Tomo 4, 1799.djvu/322

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
318 Note.

zio, a me par di vedere un giovane robu„ sto, ben colorito, di nobile fisonomia., d* i, occhj lucenti, snello e sciolto della perso-’] 3, na, colle vesti e coi crini ondeggianti, e j j, pieno di fuoco. Figuriamoci ora un giova„ ned’idea a’q’ianto mesta, d’occhio gra„ ve cogli abiti assettati, e colla parrucca, „ che misura il passo, e fa ogni cosa a bar- ’ „ tura. Ecco il gusto alemanno. Il primo „ giovane t’innamora, ti rapisce, tu devi „ seguirlo e fartelo amico. 11 secondo lo „ guardi per curiosità, ma non senti niente’ ,-, per lui. Il poeta Chini è autore.di can-.

„ zonette, e sembra escire un cotal poco „ dalla tristezza degli altri, e farsi più ga„ io. Se non che egli si mostra per avven„ tura un po troppo vago di antitesi, e di „ acutezze, non molto care a’ buoni mae» „ stri. Nella III. canzone al suo erede di„ ce!

Comandi un principe ricco c possente Che il suo cadavere s’unga di bdtsami, Per restar morto più lungamente (,h<andò di vita vedrai mancarmi, 1 Lascia} o mio erede, d’ imbalsamarmi, Men-