Pagina:Bettinelli - Opere edite e inedite, Tomo 4, 1799.djvu/325

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Note. 321

Le strisce sue disperdere D’ ogni bellezza vuote!

li ratto dovria cedere All’ arco delle gote, Siccome appunto suole Ceder la Luna al Sole.

„ Lascio andare, che il posporre le bellezze „ celesti a quelle di una fanciulla è sempre „ una iperbole trascendente, quando non vi „ si aggiunga un qualche Jenitivo. Ma si „ può dare pensier più stravolto, immagi„ ne più bestiale di questa ? Desiderar di „ prender le guance di mille fanciulle, di ri„ piegarle come tanti cartocci, e di sospen„ derle in filza sotto 1’ arco celeste ?

Avi, dura terra, perchè non ti apristi ?

„ E ciò quanto a Gleim. Ho poi letta 1’ , j ode in prosa di Richey sopra il ritorno di „ Carlo XII. da Baviera a Stralsund. A cer« ti tratti sembra leggere uno squarcio di „ poesia orientale, o un salmo, a certi al„ tri uno squarcio di orazion di Thomas. <c O rischiarato Settentrione, tu miravi ancora verso l* Oriente, allorché il tuo sole trovavasi già sulle frontiere della Pomerania, „ Qui Tomo IV. X ap-