Pagina:Bettinelli - Opere edite e inedite, Tomo 4, 1799.djvu/59

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Rapidi. 55

grammatica; fa servire le rime a se, non a Jor serve; crea le parole, se non le trova, o le prende d’ altri idiomi, perchè segue suo impulso, purché rappresenti il quadro, che ha in mente. Sebbene talora è sì felicemente investito, che tutto gli si presenta felicemente come nell* Ugolino, e in pochi altri passi, cioè in quei momenti propizi, ne’quali 1’ estro sereno e tranquillo è un mattin lucido, o un limpido fiume, non una sera nebbiosa, o una torbida piena, come esser suol le più volte, Dee qui particolarmente notarsi il pericolo di chi studia, e compone con entusiasmo per stati formati non a guisa di pala:»;’ con accurato disegno, ina bensì come ie città grandi, rozze nella prima /or nascita, indi successivamente ingrandite, abbellite, e adorne, con atterrare in gran parte i primi edilìzi; innalzando qua, e là fabbriche sontuose; unendo poi in progresso di tempo le varie parti in un sol corpo. Ma essendo sì varie le tempre degl’ingegni, non pare, che intorno a ciò possa stabilirsi una regola universale. Cevet V. Lem.

D 4