Pagina:Bettinelli - Opere edite e inedite, Tomo 4, 1799.djvu/76

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
72 Nuovi.

Persio, un Giovenale, quantunque satire belle non manchino, seppur questo gusto potrà mai regnare senza pericolo ? Ma basterà questo poco in una materia, di cui potrà farsi altrove minuto esame, nominando 1’-opere, a e gli scrittori secondo lor classi, lor pregi,, loro diffetti, affin di provare quai nobili ten-; tativi ci restano a poter fare, e di cui noni pub farsi per ora impunemente neppur qualche cenno, benché sol per giovare alle lettere; olrracchè non appartien veramente que- Jj st’invenzione al nostro trattato, e pub dirsi; andar noi fuor di strada.

Tornandoci adunque, io non posso tener-{) mi dal deplorare la perdita, e inutilità dir tanti geni italiani per colpa dell’ imitazione servile de’loro esemplari, la quale è Toppo-’ sito dell’invenzione, e novità. Si pub fare una libreria di molti poeti d’ un secolo ( per.

‘ parlare di questi ), i quali non fanno, che «na perpetua repetizione di frasi, ed imma--, gini, e di componimenti l’uno a gara delT, altro, come lo Scaligero il rimproverava al Poritano. Togliete ai lirici le róse, e i gigli, l’aura calda de’ lor sospiri, i capei d’oro, l’amor