Pagina:Boccaccio - Amorosa visione, Magheri, 1833.djvu/109

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

97

CAPITOLO XXIV.




Dove tratta di Briseida, dell’amore che portava ad Achille, ed appresso di Polissena.


Così pareva che costei dicesse,
     Ed altro assai; a’ preghi della quale
     Non mi pareva ch’Achille intendesse,
E seguitava quelli al troian male,
     5Contento più che d’esser lì rimaso
     Dove quella era, a cui tanto ne cale.
E innanzi a lui, incerto del suo caso,
     Briseida era trista inginocchiata
     Col viso basso e di baldanza raso.
10Tra l’altre cose quella sconsolata
     Piangendo mi parea che li dicesse:
     Deh, perchè m’hai, Achille, abbandonata?
Per te convenne che io mi dolesse
     De’ miei fratelli, i quali io più amava
     15Che altra cosa ch’io nel mondo avesse:
E per l’amore che io ti portava,
     E porto, quella morte, che tu desti
     A lor dolenti, non mi ricordava.


AMOROSA VISIONE 7