Pagina:Boccaccio - Amorosa visione, Magheri, 1833.djvu/153

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

141

CAPITOLO XXXV.




Della medesima Fortuna, dove pone Alessandro vinto il mondo, esser poi alla morte, non poter niente.


Tu puoi, ricominciò la Donna a dire,
     Veder qui Alessandro, ch’assalio
     Il mondo tutto, per velen morire,
E non esser però il suo disio
     5Pien, ma più che giammai esser ardente,
     E ’n tale ardor, come vedi, morio:
Lo qual fu quanto alcuno altro possente.
     Nè però averia questa lasciato,
     Che se fosse vivuto, che vilmente
10Lui non avesse in infimo voltato
     Della sua rota, ma quel che costei
     Non fe’, morte adempiè nel nominato.
E poi appresso puoi veder colei
     Che pugnò con Pallade come stolta,
     15Ch’ancor del fallo suo par dica, omei.
Come la vedi ancor quivi ravvolta
     Ne’ suoi stracci, in ragniuol trasmutata
     Fu dalla Dea, e dal laccio disciolta.