Pagina:Boccaccio - Decameron I.djvu/152

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
148 giornata seconda

che convenevole sará in maniera che stará bene. — Al conte piacque molto questa domanda, e prestamente rispose del sí, e con lagrime gliele diede e raccomandò molto. E cosí avendo la figliuola allogata e sappiendo bene a cui, diliberò di piú non dimorar quivi, e limosinando traversò l’isola e con Perotto pervenne in Gales non senza gran fatica, sí come colui che d’andare a piè non era uso. Quivi era uno altro de’ maliscalchi del re, il quale grande stato e molta famiglia tenea, nella corte del quale il conte alcuna volta, ed egli ed il figliuolo, per aver da mangiare, molto si riparavano. Ed essendo in essa alcun figliuolo del detto maliscalco ed altri fanciulli di gentili uomini, e faccendo cotali pruove fanciullesche, sí come di correre e di saltare, Perotto s’incominciò con loro a mescolare ed a fare cosí destramente, o piú, come alcuno degli altri facesse ciascuna pruova che tra lor si faceva. Il che il maliscalco alcuna volta veggendo, e piacendogli molto la maniera ed i modi del fanciullo, domandò chi egli fosse. Fugli detto che egli era figliuolo d’un povero uomo il quale alcuna volta per limosina lá entro veniva. A cui il maliscalco il fece addomandare, ed il conte, sí come colui che d’altro Iddio non pregava, liberamente gliel concedette, quantunque noioso gli fosse il da lui dipartirsi. Avendo adunque il conte il figliuolo e la figliuola acconci, pensò di piú non volere dimorare in Inghilterra, ma come il meglio poté se ne passò in Irlanda, e pervenuto a Stanforda, con un cavaliere d’un conte paesano per fante si pose, tutte quelle cose faccendo che a fante o a ragazzo possono appartenere: e quivi, senza esser mai da alcuno conosciuto, con assai disagio e fatica dimorò lungo tempo. Violante, chiamata Giannetta, con la gentil donna in Londra venne crescendo ed in anni ed in persona ed in bellezza ed in tanta grazia e della donna e del marito di lei e di ciascuno altro della casa e di chiunque la conoscea, che era a vedere maravigliosa cosa; né alcuno era che a’ suoi costumi ed alle sue maniere riguardasse, che lei non dicesse dovere esser degna d’ogni grandissimo bene ed onore. Per la qual cosa la gentil donna che lei dal padre ricevuta avea, senza aver mai potuto sapere chi egli si fosse altramenti