Pagina:Boccaccio - Decameron I.djvu/177

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

novella nona 173

infignendosi Paganino di conoscerlo ed aspettando a che riuscir volesse. Per che, quando tempo parve a messer Riccardo, come meglio seppe ed il piú piacevolmente la cagione per la quale venuto era gli discoperse, pregandolo che quello che gli piacesse prendesse e la donna gli rendesse. Al quale Paganino con lieto viso rispose: — Messer, voi siate il ben venuto; e rispondendo in brieve, vi dico cosi: egli è vero che io ho una giovane in casa, la quale non so se vostra moglie o d’altrui si sia, per ciò che voi io non conosco, né lei altressi se non in tanto quanto ella è meco alcun tempo dimorata. Se voi siete suo marito, come voi dite, io, per ciò che piacevol gentile uom mi parete, vi menerò da lei, e son certo che ella vi conoscerá bene; se essa dice che cosí sia come voi dite, e vogliasene con voi venire, per amor della vostra piacevolezza, quello che voi medesimo vorrete per riscatto di lei mi darete: ove cosí non fosse, voi fareste villania a volerlami tôrre, per ciò che io son giovane uomo e posso cosí come uno altro tenere una femina, e spezialmente lei che è la piú piacevole che io vidi mai. — Disse allora messer Riccardo: — Per certo ella è mia moglie, e se tu mi meni dove ella sia, tu il vedrai tosto: ella mi si gitterá incontanente al collo; e per ciò non domando che altramenti sia se non come tu medesimo hai divisato. — Adunque, — disse Paganino — andiamo. — Andatisene adunque nella casa di Paganino e stando in una sua sala, Paganino la fece chiamare, ed ella, vestila ed acconcia, uscì d’una camera e quivi venne dove messer Riccardo con Paganino era, né altramenti fece motto a messer Riccardo che fatto s’avrebbe ad tino altro forestiere che con Paganino in casa sua venuto fosse. Il che veggendo il giudice, che aspettava di dovere essere con grandissima festa ricevuto da lei, si maravigliò forte, e seco stesso cominciò a dire: — Forse che la malinconia ed il lungo dolore che io ho avuto poscia che io la perdei m’ha si trasfigurato, che ella non mi riconosce. — Per che egli disse: — Donna, caro mi costa il menarti a pescare, per ciò che simil dolore non si senti mai a quello che io ho poscia portato che io ti perdei, e tu non par che mi riconoscili, si