Pagina:Boccaccio - Decameron I.djvu/388

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
384 giornata quinta


GIORNATA QUINTA parendogli far men che bene; di che la giovane, che volentier lui vedeva, s’avvide, e per dargli piú sicurtá, contentissima, sí come era, se ne mostrava. Ed in questo dimorarono assai, non attentandosi di dire l’uno all’altro alcuna cosa, quantunque molto ciascuno il disiderasse. Ma mentre che essi cosí parimente nell’amorose fiamme accesi ardevano, la fortuna, come se diliberato avesse questo voler che fosse, loro trovò via da cacciare la temorosa paura che gl’impediva. Aveva messere Amerigo, fuor di Trapani forse un miglio, un suo molto bel luogo, al quale la donna sua con la figliuola e con altre femine e donne era usata sovente d’andare per via di diporto; dove essendo, un giorno che era il caldo grande, andate, ed avendo seco menato Pietro e quivi dimorando, avvenne, sí come noi veggiamo talvolta di state avvenire, che subitamente il cielo si chiuse d’oscuri nuvoli, per la qual cosa la donna con la sua compagnia, acciò che il malvagio tempo non le cogliesse quivi, si misero in via per tornare in Trapani, ed andavanne ratti quanto potevano. Ma Pietro, che giovane era, e la fanciulla similemente, avanzavano nell’andare la madre di lei e l’altre compagne assai, forse non meno da amor sospinti che da paura di tempo; ed essendo giá tanto entrati innanzi alla donna ed agli altri, che appena si vedevano, avvenne che dopo molti tuoni subitamente una gragnuola grossissima e spessa cominciò a venire, la quale la donna con la sua compagnia fuggí in casa d’un lavoratore. Pietro e la giovane, non avendo piú presto rifugio, se n’entrarono in una chiesetta antica e quasi tutta caduta, nella quale persona non dimorava, ed in quella sotto un poco di tetto che ancora rimaso v’era, si ristrinsono ammenduni: e costrinsegli la necessitá del poco coperto a toccarsi insieme. Il qual toccamento fu cagione di rassicurare un poco gli animi ad aprire gli amorosi disii; e prima cominciò Pietro a dire: — Or volesse Iddio che mai, dovendo io stare come io sto, questa grandine non ristesse! — E la giovane disse: — Ben mi sarebbe caro! — E da queste parole vennero a pigliarsi per mano e strignersi, e da questo ad abbracciarsi e poi a basciarsi, grandinando tuttavia: ed acciò che io ogni particella non