Pagina:Boccaccio - Decameron I.djvu/390

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
386 giornata quinta

intervenuto gli raccontò: ma egli, men presto a creder che la donna non era stata, disse ciò non dovere esser vero, che ella non sapesse di cui gravida fosse, e per ciò del tutto il voleva sapere, e dicendolo, essa potrebbe la sua grazia racquistare; se non, pensasse, senza alcuna misericordia, di morire. La donna s’ingegnò, in quanto poteva, di dover fare stare contento il marito a quello che ella aveva detto, ma ciò era niente: egli, salito in furore, con la spada ignuda in mano sopra la figliuola corse, la quale, mentre la madre di lei il padre teneva in parole, aveva un figliuol maschio partorito, e disse: — O tu manifesta di cui questo parto si generasse, o tu morrai senza indugio. — La giovane, la morte temendo, rotta la promessa fatta a Pietro, ciò che tra lui e lei stato era tutto aperse; il che udendo il cavaliere e fieramente divenuto fellone, appena d’ucciderla si ritenne: ma poi che quello che l’ira gli apparecchiava detto l’ebbe, rimontato a cavallo, a Trapani se ne venne e ad uno messer Currado, che per lo re v’era capitano, la ’ngiuria fattagli da Pietro contatagli, subitamente, non guardandosene egli, il fe’ pigliare: e messolo al martorio, ogni cosa fatta confessò. Ed essendo dopo alcun dí dal capitano condannato che per la terra frustato fosse e poi appiccato per la gola, acciò che una medesima ora togliesse di terra i due amanti ed il lor figliuolo, messere Amerigo, al quale per avere a morte condotto Pietro non era l’ira uscita, mise veleno in un nappo con vino, e quello diede ad un suo famigliare ed un coltello ignudo con esso, e disse: — Va’ con queste due cose alla Violante e sí le di’ da mia parte che prestamente prenda qual vuole l’una di queste due morti, o del veleno o del ferro: se non che io, nel cospetto di quanti cittadini ci ha, la farò ardere sí come ella ha meritato; e fatto questo, piglierai il figliuolo pochi di fa da lei partorito, e percossogli il capo al muro, il gitta a mangiare a’ cani. — Data dal fiero padre questa crudel sentenza contro alla figliuola ed al nepote, il famigliare, piú a male che a ben disposto, andò via. Pietro condannato, essendo da’ famigliari menato alle forche frustando, passò, sí come a color che la brigata guidavano piacque, davanti ad uno albergo dove tre