Pagina:Boccaccio - Decameron I.djvu/417

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


INDICE


Proemio ||
 p. 3
Giornata prima ||
   » 7
Introduzione ||
   » 9
Novella prima ||
   » 27

Ser Cepparello con una falsa confessione inganna un santo frate, e muorsi; ed essendo stato un pessimo uomo in vita, è, morto, reputato per santo e chiamato san Ciappelletto.

Novella seconda ||
 p. 40

Abraam giudeo, da Giannotto di Civigni stimolato, va in corte di Roma, e veduta la malvagitá de’ cherici, torna a Parigi e fassi cristiano.

Novella terza ||
 p. 44

Melchisedech giudeo con una novella di tre anella cessa un gran pericolo dal Saladino apparecchiatogli.

Novella quarta ||
 p. 47

Un monaco, caduto in peccato degno di gravissima punizione, onestamente rimproverando al suo abate quella medesima colpa si libera dalla pena.

Novella quinta ||
 p. 50

La marchesana di Monferrato con un convito di galline e con alquante leggiadre parolette reprime il folle amore del re di Francia.

Novella sesta ||
 p. 53

Confonde un valente uomo con un bel detto la malvagia ipocresia de’ religiosi.

Novella settima ||
 p. 55

Bergamino con una novella di Primasso e dell’abate di Cligni onestamente morde un’avarizia nuova venuta in messer Cane della Scala.