Pagina:Boccaccio - Decameron II.djvu/197

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

novella prima 191

da ambasciate e da’ prieghi di ciascun di costoro, ed avendo ella ad esse men saviamente piú volte gli orecchi pórti, e volendosi saviamente ritrarre e non potendo, le venne, acciò che la loro seccaggine si levasse da dosso, un pensiero: e quel fu di volergli richiedere d’un servigio il quale ella pensò niuno dovergliele fare, quantunque egli fosse possibile, acciò che, non faccendolo essi, ella avesse onesta o colorata ragione di piú non volere le loro ambasciate udire; ed il pensiero fu questo. Era, il giorno che questo pensiero le venne, morto in Pistoia uno il quale, quantunque stati fossero i suoi passati gentili uomini, era reputato il piggiore uomo che, non che in Pistoia, ma in tutto il mondo fosse: ed oltre a questo, vivendo, era sí contraffatto e di sí divisato viso, che chi conosciuto non l’avesse, veggendol da prima, n’avrebbe avuta paura; ed era stato sotterrato in uno avello fuori della chiesa de’ frati minori. Il quale ella avvisò dovere in parte essere grande acconcio del suo proponimento; per la qual cosa ella disse ad una sua fante: — Tu sai la noia e l’angoscia la quale io tutto il dí ricevo dell’ambasciate di questi due fiorentini, da Rinuccio e da Alessandro: ora, io non son disposta a dover loro del mio amor compiacere, e per tôrglimi da dosso m’ho posto in cuore, per le grandi profferte che fanno, di volergli in cosa provare la quale io son certa che non faranno, e cosí questa seccaggine tôrne via; ed odi come. Tu sai che stamane fu sotterrato al luogo de’ frati minori lo Scannadio — cosí era chiamato quel reo uomo di cui di sopra dicemmo — del quale, non che morto, ma vivo i piú sicuri uomini di questa terra, veggendolo, avevan paura: e però tu te n’andrai segretamente in prima ad Alessandro, e sí gli dirai: — Madonna Francesca ti manda dicendo che ora è venuto il tempo che tu puoi avere il suo amore, il quale tu hai cotanto disiderato, ed esser con lei, dove tu vogli, in questa forma. A lei dèe, per alcuna cagione che tu poi saprai, questa notte esser da un suo parente recato a casa il corpo di Scannadio che stamane fu sepellito: ed ella, sí come quella che ha di lui, cosí morto come egli è, paura, nol vi vorrebbe; per che ella ti priega, in luogo di