Pagina:Boccaccio - Decameron di Giovanni Boccaccio corretto ed illustrato con note. Tomo 5, 1828.djvu/207

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

203

tissime donne, se dal loro bellissimo coro te, siccome non degno, cacciassono, quante volte tu dietro alle femmine l’appetito dirizzi, quante volte fetido e maculato da esse partendoti, tra loro, che purissime sono, ti vai a rimescolare, non vergognandoti della tua bestialità! E certo, se tu non te ne rimani, e’ mi pare avvedere che t’avverrà, e meritamente. Esse hanno bene il loro sdegno, così come queste altre che donne si chiamano, non essendo: e chente e quale vergogna questo ti sia, dove questo avvenga, tu medesimo e pensare e conoscere il puoi. Ma perciocchè assai detto aver mi pare intorno a quello che a le apparteneva di considerare, quando follemente il collo sotto lo incomportabile giogo di colei sottomettesti, alla quale una gran salmista pare essere, acciocchè tu non creda dall’altre lei divariare, oltre a quello ch’io ti promisi, ciò che tu non potevi ben per te medesimo vedere intendo di dimostrarti, particolarmente chi sia colei, e chenti i suoi costumi di cui tu follemente divenuto servidore ora ti duoli, e vedrai dove e nelle cui mani il tuo peccato e la tua troppa subita credenza t’aveano condotto.

La prima notizia di questa femmina, di cui noi parliamo, la quale molto più dirittamente drago potrei chiamare, mi diedono le nozze sue; perciocchè essendo io per morte abbandonato da colei che prima a me era venuta, e di cui io molto meno mi potea scontentare che di questa, non so se per lo mio peccato o per celesti forze che ’l si facesse, avvenne, che essendo e volere e piacere de’ miei amici e parenti, a costei, mal da me conosciuta, fui ricongiunto: la qual già d’altro marito essendo stata moglie, e assai bene già l’arte dello ingan-