Pagina:Boccaccio - Il Filostrato di Giovanni Boccaccio nuovamente corretto su i testi a penna, 1831.djvu/158

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
146 IL FILOSTRATO


C.


Ell’era tale a riguardar nel viso,
     Qual’è colei ch’alla fossa è portata;
     E la sua faccia, fatta in paradiso,
     Tututta si vedea trasfigurata,
     La sua vaghezza e ’l piacevole riso
     Fuggendosi, l’aveano abbandonata;
     E intorno agli occhi un purpurino giro,
     Dava vero segnal del suo martiro.

CI.


Il che vedendo Pandaro, ch’avea
     Con Troilo pianto il giorno lungamente,
     Le lagrime dolenti non potea
     Tener, ma cominciò similemente,
     Lasciando star quel che parlar volea,
     A pianger con costei dogliosamente;
     Ma poi ch’ebber ciò fatto insieme alquanto,
     Temperò prima Pandaro il suo pianto,

CII.


E disse: donna, io credo ch’abbi udito,
     Ma ne son certo, come se’ richesta
     Dal padre tuo, e preso è già il partito
     Di renderti dal re, sicchè di questa
     Semmana ten dei gir, s’ho ’l ver sentito;
     E quanto questo sia cosa molesta
     A Troilo, appien non si potrebbe dire,
     Il qual del tutto in duol ne vuol morire.