Pagina:Boccaccio - Il comento sopra la Commedia di Dante Alighieri di Giovanni Boccaccio nuovamente corretto sopra un testo a penna. Tomo I, 1831.djvu/222

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
202 COMENTO DEL BOCCACCI

ci se noi riguarderem bene, come all’entrare d’ogni cerchio di purgatorio si trova alcuno agnolo, il quale lietamente e cantando conforta chi sale in quello; così ad ogni cerchio d’inferno si trova alcun demonio, il quale orribilmente spaventa chi discende in esso. E così come il monte del purgatorio, quando alcuna anima purgata sale al cielo, tutto trema, e tutti gli spiriti di quello, sentendo il tremore, ed intendendo ciò che significa, da carità mossi, cantano e ringraziano Iddio, che a sè quella anima beata chiama; così in inferno come anime di nuovo vi caggiono, come delle trasportate da Caron feciono, trema tutta la valle d’inferno: per la qual cosa l’anime dannate che ciò sentono, intendendo venire anime ad accrescere la loro tristizia, tutte oltre al dolore usato si contristano e piangono. E così l’autore mostra di volere in questa parte sentire, comechè non sia cosa nuova, le parti intrinseche e cavernose della terra talvolta tremare, per la revoluzione dell’aere che in quelle è racchiuso, e che vuole uscir fuori: che dello spavento, La mente, cioè il ricordarmene, di sudore ancor mi bagna. Suole talvolta agli uomini subitamente spaventati, rifuggire dalle parti esteriori dentro al cuore, sentendolo temere, il sangue: e per questo coloro alli quali questo avviene, rimangono pallidi e deboli, e quasi insensibili: ed esse parti esteriori premute dalla passione della paura, mandano per li pori fuori talvolta un’acqua fredda, la qual noi diciam sudore: e se tosto le parti predette non recuperassero il sangue e le forze loro, caderebbe l’uomo, e parrebbegli venir meno come se egli morisse,