Pagina:Boccaccio - Il comento sopra la Commedia di Dante Alighieri di Giovanni Boccaccio nuovamente corretto sopra un testo a penna. Tomo I, 1831.djvu/257

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

SOPRA DANTE 237

e riscosso Lot suo nipote, primieramente offerse per sacrificio pane e vino a Melchisedech re e sacerdote di Salem: a costui fece Iddio la promessione di dare a’ suoi discendenti la terra abbondante di latte e di mele: il quale essendo già d’età di centosettantacinque anni morì, e fu da’ figliuoli seppellito nel campo d’Efron de’ figliuoli di Seor Eteo della regione di Mambre, il quale avea comperato in quello uso, quando morì Sara sua moglie, da’ figliuoli di Net. È costui chiamato Patriarca, a piter, che in latino viene a dir padre, e arcos, che viene a dire principe: e così resulta principe de’ padri: e David re. Questi fu figliuolo di Tesse della tribù di Giuda: e levato giovane da guardare le pecore del padre, perocchè ammaestrato era di sonare la cetera, venne al servigio di Saul re, il quale esso col suo suono alquanto mitigava dalla noia che il demonio alcuna volta gli dava: ed essendo giovanetto andò a combattere con Golia Filisteo, il quale avea statura di gigante; e lui con la fionda 1, la quale ottimamente sapea adoperare, e con alquante pietre uccise; onde egli meritò la grazia del popolo, ed ebbe Micol figliuola di Saul per moglie: racquistò l’arca foederis, la quale al popolo d’Israel era stata per forza di guerra tolta: e fu valoroso uomo in guerra, e lunga persecuzione patì da Saul, al quale per invidia era venuto in odio: ultimamente essendo da’ Filistei stato sconfitto Saul, e’ figliuoli in Gelboe, e quivi sè medesimo avendo ucciso, fu in suo luogo coronato

  1. Frondea.