Pagina:Boccaccio - Il comento sopra la Commedia di Dante Alighieri di Giovanni Boccaccio nuovamente corretto sopra un testo a penna. Tomo I, 1831.djvu/284

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
264 COMENTO DEL BOCCACCI

noi nello Evangelio leggiamo, cioè che Cristo figliuol di Dio, avendo il dì della sua ultima cena in terra lavati i piedi a’ discepoli, tra l’altre cose da lui dette loro in loro ammaestramento, disse queste parole: Voi mi chiamate maestro e signore e fate bene, perciocchè io sono. Direm noi di questo Cristo aver peccato? O contro ad alcun buon costume avere adoperato? Certo no, perciocchè nè in questo, nè in altra cosa, peccò giammai colui che era toglitore de’ peccati, e che col suo preziosissimo sangue lavò le colpe nostre: anzi così questo, come gli altri suoi atti tutti ottimamente fece; perciocchè se così fatto non avesse, non avrebbe dato l’esemplo dell’umiltà a’ suoi discepoli, il quale lavando loro i piedi aveva inteso di dare, se confessato non avesse, anzi detto, esser loro maestro e signore, come il chiamavano: il che assai si vede per le parole seguenti dove dice: e se io, il quale voi chiamate maestro e signore, e così sono, ho fatto questo di lavarvi i piedi; così dovrete voi l’uno all’altro lavare i piedi: io v ho dato l’esemplo: come io ho fatto a voi, e così similmente fate voi, ec. Adunque è talvolta di necessità di parlar bene di sè medesimo, senza incorrere nel disonesto peccato della iattanza, e così si può dire che qui facesse l’autore. Dissesi di sopra, nella esposizione del titolo generale della presente opera, però convenirsi cognoscere e sapere chi stato fosse l’autore d’alcun libro, per discernere se da prestar fosse fede alle cose dette da lui, la qual molto pende dall’autorità d’esso. E perciò qui l’autore, dovendo in questo suo trattato poeticamente scrivere