Pagina:Boccaccio - Il comento sopra la Commedia di Dante Alighieri di Giovanni Boccaccio nuovamente corretto sopra un testo a penna. Tomo I, 1831.djvu/341

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

SOPRA DANTE 321

sola di Corsica, nella quale egli stette parecchi anni. Poi avendo Claudio fatta uccidere Messalina sua moglie, per li manifesti suoi adulterii, e presa in luogo di lei Agrippina, figliuola di Germanico, e sorella di Gaio Caligula imperadore, e moglie di Domizio Nerone, padre di Nerone Cesare; a’ preghi di lei fu da Claudio rivocato in Roma, e restituito ne’suoi onori: e oltre a ciò dato per maestro a Nerone, ancora assai giovanetto, col quale in grandissimo colmo divenne, e massimamente di ricchezze. Egli fu uditore d’un famoso filosofo in que’ tempi chiamato Focione, della setta degli stoici: e quantunque in molte facultà solennissimo divenisse, pure in filosofia morale, secondo la setta istoica, divenne mirabile uomo: e in tanto più commendabile in quanto i suoi costumi, quanto più esser potessono, furon conformi alla sua dottrina. E perseverando in continuo esercizio, compose molti e laudevoli libri, siccome il libro de’ Beneficj, quello de Ira, quello de Clementia a Nerone, quello de Tranquillitate animi, quello de Remidiis fortuitorum, quello de Quaestionibus naturalibus, quello de iv Virtutibus, quello de Consolatione ad Elviam, e altri più. Ma sopra tutti fu quello delle Pistole a Lucillo, nel quale senza alcun dubbio, ciò che scriver si può a persuadere di virtuosamente vivere in quel si contiene: e quello ancora che si chiama le Declamazioni. Compose oltre a questi un altro, secondochè alcuni vogliono, il quale è molto più poetico che morale, ed è in prosa e in versi, in forma di tragedia: e in quello descrive, come Claudio Cesare fosse cacciato

com. di dante T. I. 21