Pagina:Boccaccio - Il comento sopra la Commedia di Dante Alighieri di Giovanni Boccaccio nuovamente corretto sopra un testo a penna. Tomo I, 1831.djvu/354

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
334 COMENTO DEL BOCCACCI

sto. Io non posso ritrar, cioè raccontare, di tutti, quegli valenti uomini, che io vidi in quel luogo, appieno, cioè pienamente; perciocchè molti erano e soggiugne la ragione, perchè di tutti ritrarre non può, dicendo: Perciocchè sì mi caccia, cioè sospigne a procedere avanti, il lungo tema, di dover descrivere l’universale stato degli spiriti dannati, di que’ che si purgano e de’ beati, Che molte volte, non solamente pur qui, ma ancora altrove, al fatto, cioè alle cose che vedute ho, le quali sono in fatto, il dir, cioè il raccontare, vien meno: e ciò non è maraviglia, perciocchè volendo appieno raccontare la particularità di qualunque nostra operazione, quantunque piccola sia, si converrebbon dir tante parole, che quasi mai non verrebbon meno. La sesta compagnia. In questa quinta e ultima particella della seconda parte principale della suddivisione del presente canto, dimostra 1’autore come partiti da’ quattro poeti procedettero avanti: e dice, La sesta compagnia in duo, cioè de’ sei poeti, d’Omero, e di Orazio, e degli altri, cioè poeti, in Virgilio e nell’autore, si scema, cioè rimane scema. Per altra via, che per quella per la quale venuti eravamo, mi mena ’l savio Duca, Virgilio, Fuor della cheta, aura perciocchè; come assai è nelle precedenti cose apparito, niun tumulto, niun romore era in quel cerchio, nell’aura che trema, siccome ripercossa da impetuoso spirito di vento, e da pianti e da dolori. E vengo in luogo, ove non e, nè sole, nè stella, nè lumiera che luca, cioè faccia lume.