Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/188

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
170 LA TESEIDE


59


Qua’ fosser poi fra loro i due fratelli
     D’Edippo nati non cal raccontare;
     Il fuoco fe’ testimonianza d’elli,
     Nel qual fur messi dopo il lor mal fare;
     E ’l misero Creonte dopo quelli
     Molto non s’ebbe di Bacco a lodare;
     Or resta sopra noi, ch’ultimi siamo
     Del teban sangue, insieme ci uccidiamo,

60


Ed e’ mi piace, poi che t’è in piacere,
     Che pure infra noi due battaglia sia:
     I’ sarò presto a fare il tuo volere;
     Ma pria mi lascia addobbar l’arme mia,
     E ripigliare lo mio buon destriere,
     Quindi farem tutto ciò che disia
     La mente folle che sì ti consiglia;
     Piangasi il danno a cui di ciò mal piglia.

61


Isnellamente Penteo si fu armato,
     Se forse alcuna cosa gli mancava,
     Ed ebbe tosto il caval ripigliato,
     E destramente sopra vi montava,
     E in verso Palemon si fu voltato,
     Che fiero e tutto ardente l’aspettava,
     E sì gli disse: omai, come ti piace,
     Prendi con meco o vuo’ guerra, o vuo’ pace.