Pagina:Boccaccio - La Teseide di Giovanni Boccaccio nuovamente corretta sui testi a penna, 1831.djvu/250

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
232 LA TESEIDE


62


Videvi storie per tutto dipinte,
     In tra le qua’ con più alto lavoro
     Della sposa di Nin vidde distinte
     L’opere tutte, e vidde a piè del moro
     Piramo e Tisbe, e già le gelse tinte:
     E ’l grand’Ercole vidde tra costoro
     In grembo a Jole, e Bibli dolorosa
     Andar pregando Cauno pietosa.

63


Ma non vedendo Vener, le fu detto,
     Nè conobbe da cui: in più segreta
     Parte del tempio si sta a diletto:
     Se tu la vuoi, per quella porta, cheta
     Te n’entra: ond’essa, senza altro rispetto,
     In abito qual’era mansueta,
     Là si appressò per entrar dentro ad essa,
     Per l’ambasciata fare a lei commessa.

64


Ma essa lì nel primo suo venire
     Trovò Ricchezza la porta guardare;
     La qual le parve assai da riverire:
     E lasciata da lei quiv’entro entrare,
     Il luogo vide oscur nel primo gire;
     Ma poca luce poscia per lo stare
     Vi prese, e vide lei nuda giacere
     Sopra un gran letto assai bello a vedere.