Pagina:Bonola - La geometria non-euclidea.djvu/46

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


ipotesi potesse edificarsi un sistema geometrico logicamente conseguente e che il postulato euclideo fosse indimostrabile 1.


Giovanni Enrico Lambert [1728-1777]


§ 18. Quale influenza esercitasse l'opera di Saccheri sui geometri del XVIII secolo non si può precisare: tuttavia è probabile che il geometra svizzero Lambert la conoscesse2, imperocchè nella sua «Theorie der Parallellinien» [1766] egli cita una dissertazione di G. S. Klügel [1739-1812]3, ov'è minutamente analizzata l'opera del geometra italiano.

La «Theorie der Parallellinien» di Lambert, pubblicata nel 1786, dopo la morte dell'autore, per cura di G. Bernoulli e C. F. Hindenburg4, è divisa in tre parti. La prima,

  1. L'opera del P. SACCHERI fu abbastanza diffusa dopo la sua pubblicazione e di essa parlarono due storie delle matematiche: quella di J. C. HEILBRONNER [Lipsia, 1742] e quella del MONTUCLA [Parigi, 1758]. Inoltre è minutamente analizzata da G. S. KLÜGEL, nella sua dissertazione quì sotto citata [(3)]. Non di meno cadde in dimenticanza. Solo nel 1889 E. BELTRAMI, con la sua nota: «Un precursore italiano di Legendre e di Lobatschewsky.» [Rend. Acc. Lincei, (4), V, p. 441-448], richiamò su di essa l'attenzione dei geometri. In seguito l'opera di SACCHERI fu tradotta in inglese da G. B. HALSTED [Am. Math. Montly, I, 1894 e successivi], in tedesco dai SS. STÄCKEL ed ENGEL [Th. der P., 1895], in italiano da G. BOCCARDINI [Milano, Hoepli, 1904].
  2. Cfr. Segre: «Congetture intorno alla influenza di Girolamo Saccheri sulla formazione della geometria non euclidea», Atti Acc. Scienze di Torino, t. XXXV III, [1903].
  3. «Conatum praecipuorum theoriam parallelarum demonstrandi recensio, quam publico examini submittent A. G. Kaestner et auctor respondens G. S. Klügel » [Gottinga, 1763].
  4. cfr.: Magazin für reine und angewandte Math., 2 Stüch, p. 137-164, 3 Stüch, p. 325-358, [1786]. — L'opera di Lambert fu ripubblicata dai SS. Stäckel ed Engel nella loro «Th. der P.», p. 135-208, preceduta da notizie storiche riguardanti l'autore.