Pagina:Cabala del cavallo Pegaseo con l'aggiunta dell'Asino Cillenico.djvu/25

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

sopra la seguente cabala 9

asinitade in gioco, spasso e scherno? Or, chi terrà il mondo, che non pensi, ch’io faccia il simile? Chi potrà donar freno a le lingue, che non mi mettano nel medesimo predicamento, come colui, che corre appo li vestigi de gli altri, che circa cotal suggetto democriteggiano? Chi potrà contenerli, che non credano, affermino e confermino, che io non intendo vera -- e seriosamente lodar l’asino ed asinitade, ma piuttosto procuro di aggionger olio a quella lucerna, la quale è stata da gli altri accesa? Ma, oh miei protervi e temerari giudici, oh neghittosi e ribaldi calunniatori, oh foschi ed appassionati detrattori, fermate il passo, voltate gli occhi, prendete la mira; vedete, penetrate, considerate, se li concetti semplici, le sentenze enunciative e li discorsi sillogistici, ch’apporto in favor di questo sacro, impolluto e santo animale, son puri, vere e dimostrativi, oppur son finti, impossibili ed apparenti? Se le vedrete in effetto fondate su le basi di fondamenti fortissimi, se son belli, se son buoni, non le schivate, non le fuggite, non le rigettate, ma accettatele, seguitele, abbracciatele, e non siate oltre legati dalla consuetudine del credere, vinti da la sufficienza del pensare, e guidati da la vanità del dire, se altro vi mostra la luce de l’intelletto, altro la voce de la dottrina intona, ed altro l’atto de l’esperienza conferma!

L’asino ideale e cabalistico, che ne vien proposto nel corpo de le sacre lettere, che credete voi che sia? Che pensate voi essere il cavallo pegaseo, che vien trattato in figura de gli poetici figmenti? De l’asino cillenico degno d’esser messo in croceis ne le più onorate accademie che v’imaginate? Or, lasciando il pensier del secondo e terzo da canto, e dando sul campo del primo platonico parimente e teologale, voglio che conosciate, che non manca testimonio da le divine ed umane lettere dettate da sacri e profani dottori, che parlano con l’ombra di scienze e lume della fede. Sa-