Pagina:Caccia di Diana.djvu/32

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
24

Aperse l’arco quella e non invano,
     E l’un de’ tre ferì, sìcche rimase,
     E’ cani assalir l’altro a mano a mano.
Fuggissi il terzo, e Alessandra invase
     Con uno spiedo in man quel che tenieno
     I can feroci per l’orecchie rase,
E quasi morto già fra lor l’avieno,
     Questa il condusse a fine; e preso lui,
     Con le compagne insieme sen venieno,
Per pigliar posa degli affanni sui.