Pagina:Cagna - Alpinisti ciabattoni.djvu/93

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

77


Fu il cuoco che venne a svegliarli per avvertirli che era tempo di andare a letto.

Taciturni, assonnati, cascanti, i coniugi seguirono il cuoco, che li precedeva su per le scale, e li salutò sul limitare della loro camera.

Nè l’uno nè l’altra si erano riavuti, e non si ricordarono nemmeno più del loro reciproco dispetto.

Martina scappò fra le coltri senza far parola, e Gaudenzio con la testa martellata ripensando mentre si spogliava alle cantafere del professore, borbottava:

— Accidenti che sbornia!... Garibaldi Vescovo di Novara!?... Questa chi l’avevi propi mai sentida!