Pagina:Calani - Il Parlamento del Regno d'Italia, vol 2.pdf/347

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

– 733 —

Boggio è riuscito a quest’ora a dar di sè agli uomini riflessivi un’opinione, che non crediamo possa piacergli che noi qualifichiamo in queste pagine.




MELLANA FILIPPO


deputato.


È uno dei più strenui campioni del partito rattazziano, pel quale ha rotto con forza inaudita un numero infinito di lance in seno alla Camera. Noi non possiamo disgraziatamente riuscire a dare un’idea abbastanza chiara ai nostri lettori del genere tutto speciale di eloquenza del quale va fornito il Mellana. Per coloro che lo conoscono, almeno di figura, potrebbe darsi che riuscisse cosa meno difficile il farsene una qualunque immagine, qualora lor si dicesse che appunto i discorsi proferiti dal campione del terzo partito hanno molta analogia colla di lui capigliatura; folte, scomposte, anzi, arruffate ha le chiome, nell’istessa guisa appunto in cui concitate, impetuose, sconnesse gli escono dalla bocca le parole. Non è a dire con ciò che il Mellana sia un povero oratore, o un oratore da prendersi a gabbo dal partito ch’egli si studia di combattere. No; se la veste della quale il Mellana ricopre le sue aringhe è disadorna e negletta, non può dirsi tuttavia che i di lui ragionamenti manchino di profondità di concetto, di abilità di tattica, e sopratutto di sale epigrammatico pungentissimo. Egli è ben raro che quando il Mellana parla, il che poi non gli avviene tanto di frequente, tutta quanta la Camera non istia ad orecchie tese per udirlo, alternando le risa cogli applausi. E le risa escono tanto più inresistibili dalle chiostre dei denti degli onorevoli, inquantochè il Mellana è uno di quegli uomini, i quali dicono le cose le più buffe del mondo, con la faccia la più seria che sia. E quando queste risa arrivano a tanto da interrompere l’oratore, il chè non di rado avviene, il Mellana sembra non solo maravigliarsi, ma quasi anche