Pagina:Calani - Il Parlamento del Regno d'Italia, vol 2.pdf/397

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

– 783 –

Prescindendo dai saggi ed utili discorsi da esso proferiti nella Camera, bisogna dire che il general Bixio è uno dei deputati che si rendono veramente utili al Parlamento ed al paese. Egli lavora negli uffici e nelle commissioni, egli si occupa con mollo frutto di cose di marina, ed è membro della commissione per la difesa delle coste del regno. La Camera lo ha eletto pure membro della commissione d’inchiesta sul brigantaggio, delle cause del quale e dei rimedi da applicarvi è stato uno dei più solerti indagatori.

A quest’ora il general Bixio è alla testa della propria divisione, ch’egli ha nell’estate ora scorso guidata al campo d’esercitazione, ove generale e soldati hanno dato le più chiare prove di disciplina, di attività e di buona tenuta.





È uno dei più provetti e dei più autorevoli membri della Camera elettiva, nella quale da gran tempo esercita una meritala influenza.

Il Lanza è piemontese ed è medico. Gli studi severi da esso latti in economia politica, un’applicazione costante ed una lunghissima esperienza parlamentare, lo hanno meritamente condotto all’alto livello cui e pervenuto oggidì.

Amico costante e provato del conte di Cavour, ha avuto l’onore d’essere chiamato per ben due volte a sedere accanto ad esso nei Consigli della Corona; la prima in qualità di ministro dell’istruzione pubblica, la seconda in quella di ministro delle finanze.

Non si può revocare in dubbio la di lui abilità come amministratore, giacche ne ha date prove non dubbie durante il tempo ch’è stato al potere.

Elevato più tardi alla dignità di presidente della Camera, ha guidati i dibattimenti con molta perizia e con un’imparzialità e una fermezza che non potrebbero mai essere abbastanza commendate.