Pagina:Canne al vento.djvu/105

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 97 —

col viso acceso ridere come la creatura più folle della festa; ed Efix mormorò toccando il ginocchio di Giacinto:

— Vossignoria.... dicono.... guarda quella ragazza.... È buona, ma è povera. Eppoi anche orfana....

— La sposerò, — disse Giacinto, ma guardava per terra e pareva sognasse.



Grazia Deledda. Canne al vento. 7