Pagina:Canne al vento.djvu/145

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 137 —

— Se me ne dà ancora, don Giacì, vengo giù al podere con lei: — disse Natòlia provocante.

— Vieni pure, — egli rispose, ma la sua voce era triste, grave; e sebbene la vecchia padrona ammonisse:

— Ognuno deve andare coi pari suoi, Natòlia! — quando fu nella strada, egli sentì che le donne ridevano parlando di lui e di Grixenda.

Sì, bisognava partire, andare in cerca di fortuna.

Per non ripassare davanti alla casa della fidanzata, scese un viottolo, poi un altro, fino ad uno spiazzo su cui guardavano le rovine d’una chiesa pisana.

L’euforbia odorava intorno, la luna azzurrognola splendeva sul rudero della torre come una fiamma su un candelabro nero, e pareva che in quell’angolo di mondo morto non dovesse più spuntare il giorno. Ma subito dietro lo spiazzo biancheggiava fra i melograni e i palmizi, simile a un’abitazione moresca, con porte ad arco, loggie in muratura, finestre a mezza luna, la casa di don Predu.

Attraversando il grande cortile ove luccicavano alla luna larghi graticolati di canna su cui di giorno s’essiccavano i legumi adesso coperti da stuoie di giunco, Giacinto vide la grossa figura di suo zio e quella smilza del Milese immobili sullo sfondo dorato d’una