Pagina:Canne al vento.djvu/179

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 171 —

XI.


Un giorno in autunno Efix andò in casa di don Predu.

C’erano solo le serve, una grassa e anziana che si dava le arie imponenti della sorella del rettore, l’altra giovane e lesta benchè afflitta dalle febbri di malaria; ed egli dovette attendere nella stanza terrena, divagandosi a guardare nel vasto cortile i graticolati di canna coperti di fichi verdi e neri, d’uva violetta e di pomidoro spaccati velati di sale. Tutta la casa spirava pace e benessere: sui muri chiari tremolava l’ombra dei palmizi e tra il fogliame dorato dei melagrani le frutta rosse spaccate mostravano i grani perlati come denti di bambino. Efix pensava alla casa desolata delle sue povere padrone, a Noemi che vi si consumava dentro come un fiore al buio....

— Come sei dimagrito, — gli disse la serva