Pagina:Canne al vento.djvu/40

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 32 —

anteriore, remotissima. Gli sembra che tutto intorno a lui si animi, ma d’una vita fantastica di leggenda; i morti risuscitano, il Cristo che sta dietro la tenda giallastra dell’altare, e che solo due volte all’anno viene mostrato al popolo, scende dal suo nascondiglio e cammina: anche Lui è magro, pallido, silenzioso: cammina e il popolo lo segue, e in mezzo al popolo è lui, Efix, che va, va, col fiore in mano, col cuore agitato da un sussulto di tenerezza.... Le donne cantano, gli uccelli cantano; donna Ester sgambetta accanto al servo, col dito fuori dell’incrociatura dello scialle. La processione esce fuori del paese, e il paese è tutto fiorito di melograni e di vitalbe; le case son nuove, il portone della famiglia Pintor è nuovo, di noce, lucido, il balcone è intatto.... Tutto è nuovo, tutto è bello. Donna Maria Cristina è viva e s’affaccia al balcone ove sono stese le coperte di seta. Donna Noemi è giovanissima, è fidanzata a don Predu, e don Zame, che segue anche lui la processione, finge d’esser come sempre corrucciato, ma è molto contento....

Ma il canto delle donne cessò e alcune s’alzarono per andarsene. Efix, che aveva appoggiato la testa alla colonna del pulpito, si scosse dal suo sogno e seguì donna Ester che usciva per tornarsene a casa.

Il sole alto sferzava adesso il paesetto più che mai desolato nella luce abbagliante del