Pagina:Canti (Sole).pdf/91

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
34 pel tremuoto in lucania


Assai ti piacque disfrenar di strali
    Su quelle rupi! Assai corse di pianto20
    Ai curvi d’Eraclea seni vocali!

Ecco pe’ monti di Lucania, o Santo,
    Quanto novo dolor, quanto spavento,
    Quanta strage diffusa in ogni canto!

Ier su quei monti, che pareano argento25
    Radiante, cadea limpido il sole,
    E l’aria era tranquilla e basso il vento:

E una luce di rose e di viole
    Soavemente iva a ferir lontana
    Borghi, rupi, foreste, archi e chiesuole;30

E muta per la varia erta montana
    Salìa la sera, e la pace notturna
    Su la industre scendea gente Lucana.

Ahi! la nova reddìa luce diurna,
    E una grama schiarò gente tapina,35
    Che fuggìasi tremante e taciturna!

Signore! i tuoi clementi occhi dechina
    Su le rupi Lucane, ov’oggi impronti
    Sì grande orma di lutto e di ruina!

Un profondo sospir misero i monti,40
    Mentre sparso di stelle il ciel ridea,
    E cupamente ribollir le fonti: