Pagina:Capuana - Giacinta.djvu/108

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



— Chi le sballa più grosse? — diceva il Ratti, voltando la testa verso quella parte, in mezzo a un gruppo di signore.

Andrea, andato a salutare la signora Villa e la Mazzi, ascoltava, sorridendo, quel cicalìo femminile che tagliava i panni addosso alla signora Maiocchi; la quale, appoggiata alla mensola del caminetto, pareva mezza sedotta dalla faccia apoplettica e dal pancione del Porati.

La signora Mazzi, che quella sera era di buon umore, vistosi dinanzi il conte Grippa avvicinatosi per salutarla, s’interruppe a un tratto e, porgendogli la mano, disse:

— Conte, la felicità vi si legge negli occhi.

— Grazie! Grazie! — egli rispose.

— Grazie di che?

A questa domanda il conte si mise a ridere, spalancando la bocca, facendo degli inchini, col capo, nell’allontanarsi.

— Si vede che la felicità lo rende più grullo.

— Gerace, non lo dite alla futura contessina!...

Le due signore ripresero il loro cicalìo; ma Andrea non vi prestava attenzione; e seguiva con gli occhi il conte Grippa nel giro che andava facendo da una signora all’altra.

Il conte si era fermato a due passi da Giacinta:

— Disturbo?

E a un cenno di lei, era scattato come una molla, tutto d’un pezzo, tenendole la mano; poi, stringendo la mano anche al Gessi e al Merli, sorrideva, impacciato dal silenzio che la sua presenza aveva prodotto:

— Ma perchè non continuavano? Era forse di troppo?

— No, no.