Pagina:Capuana - Giacinta.djvu/128

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 126 —


— Perchè non volete? Perchè?

Rifugiata in quell’angolo del salottino, fremente d’indignazione, Giacinta spiava uno scampo:

— Lasciatemi uscire! Lasciatemi!

Avrebbe anche gridato al soccorso nel vederselo dinanzi, a pochi passi, piantato sulle gambe allargate, con le braccia aperte, e con lividi luccicori di fosforo negli occhi, sotto il ciuffo di capelli rovesciatoglisi sulla fronte; ma la rabbia e il dispetto le avevano inaridito la gola.

E si lasciò prendere tra le braccia, cedendo, andando quasi trascinata verso il canapè, dove il conte si mise a baciarla sulle guancie e sulla nuca, ripetutamente, insaziabilmente:

— Giacinta! Giacinta!

Oh! Quei baci la violavano!... E il nome di Andrea le rigurgitava in gola, per buttarlo in faccia al conte:

— Basta! Non vedete che soffro?

— Perdono, contessa! Perdono!...

Colpito da quel grido angoscioso, egli si era subito tirato da parte. E, intimidito, a testa bassa come un fanciullo sgridato, si confondeva ora in mille scuse:

— Aspetterò... quando vorrete voi... Perdono!... Rimettetevi; vien gente!

— Che ho mai fatto! — esclamò Giacinta un’ora dopo, torcendosi le mani, appena il conte e la signora Teresa la lasciarono un momento sola col Gerace, per accompagnar la Clerici e la Mazzi che andavano via.

— Che ho mai fatto!... Che terribile tortura sarà!...

— Oh, Andrea, Andrea!... E sono stata io!... Io stessa!

— Zitta, per carità! Ritornano! — disse Andrea.

— Che me n’importa?