Pagina:Capuana - Giacinta.djvu/143

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 141 —


tanto il tetto annerito, mandava fuori leggere ondate di fumo che disperdevansi subito.

— Non mi vuoi bene quanto dovresti — riprese a dire Giacinta.

— Perchè?

— Sera fa, perdesti al gioco... Non negarlo...

— Un’inezia...

— E, piuttosto che a me, hai ricorso al Merli per pagare il tuo debito... Cattivo!

— In questo tu non devi entrarci.

— Voglio entrarci anzi! Esigo, sopra tutte, questa prova d’amore. Ma se l’ho detto! Mi tratti da amante, ecco. Sei cattivo.

— Non giocherò più!

— Benissimo! Per farmi dispetto!...

Gli si staccò dal braccio, imbizzita, e si mise a camminare innanzi, sola. Andrea, raggiuntala con un salto, la prese per la vita.

— No, no... Lasciami!

Si dibatteva stizzosamente, per svincolarsi, per evitare che egli la baciucchiasse sulla nuca.

— Lasciami!... Mi fai il solletico...

— Non andare in collera, via!

— Sta’ fermo!... Sta’ fermo!...

Ma intanto gli si abbandonava sul petto, con la testa indietro broncia broncia, vinta da un languore dolce:

— Sai, Andrea? Quel mio sospetto... sai? Non mi stringere così: mi fai male! Io lo credo già una certezza...

— Oh!

Voleva baciarla, ma ella era scappata. Andrea le corse dietro. Presi da matta allegria, si inseguivano ridendo e battendo le mani, come due ragazzi. E la vecchia contadina, che stava seduta sopra un cor-